Blog

Rientrata la spedizione Iran Salt Caves 2019

Dopo una prima settimana fruttuosa dal punto di vista scientifico, ma poco gratificante da quello esplorativo, è arrivata la tanto attesa scoperta di nuove cavità.
Un gruppo nutrito di speleologi 17 italiani ed alcuni amici iraniani si è adoperato per fare chiarezza sul fenomeno dei Diapiri salini delle regioni di Fars e Busher a sud di Shiraz.

Leggi tutto: Rientrata la spedizione Iran Salt Caves 2019

Deserti di Persia

Da qualche anno, l'antica Persia, oggi Iran, sembra esser diventata un territorio abituale per l'Associazione La Venta. Dopo le due spedizioni del 2018, una nei traforati altopiani di alta quota dell'estremo nord e una nella zona sud del paese, non lontano dal Golfo Persico, una nuova spedizione è in procinto di partire.

Leggi tutto: Deserti di Persia

Grotte e buchi neri, il senso universale dell’esplorazione

All’inizio di dicembre lo speleologo e vicepresidente di La Venta, Francesco Sauro, è stato invitato a tenere la lectio magistralis per l’inaugurazione del 931° Anno Accademico dell’Università di Bologna, l’ateneo più antico del Mondo. Qui riportiamo le sue impressioni, e la pubblicazione in questi giorni insieme con altri ricercatori Unibo di un nuovo importante articolo scientifico frutto delle ricerche del Progetto Tepui di La Venta.

Leggi tutto: Grotte e buchi neri, il senso universale dell’esplorazione

Un bellissimo ringraziamento da Stefano Marighetti

Abbiamo ricevuto questa mail e ci piace riportarla integralmente: "Vi sto scrivendo perché in questi giorni si celebra l’anniversario della mia laurea. Vi avevo parlato dei ringraziamenti riportati alla fine della tesi in cui parlavo di La Venta. In Atacama ne parlavamo e ritengo che i membri dell’Associazione potrebbero essere entusiasti di aver spronato un giovane speleologo a iscriversi all’università e approfondire il lato scientifico della speleologia.

Leggi tutto: Un bellissimo ringraziamento da Stefano Marighetti

Prime notizie dal Ghiacciaio Vatnajokull in Islanda

Dopo una notte in aeroporto a Reykjavik, siamo arrivati sul ghiacciaio Vatnajokull domenica mattina, giusto il tempo di montare le tende e la pioggia ha iniziato a darci il benvenuto. Le temperature fortunatamente non sono così estreme (parliamo sempre di pochi gradi sopra lo 0 termico) ma per il primo giorno è stato impossibile uscire dalle tende a causa della pioggia e del vento forte.

Leggi tutto: Prime notizie dal Ghiacciaio Vatnajokull in Islanda

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Cookie policy