4CIn epoca preispanica la regione corrispondente all'attuale stato di Coahuila faceva parte dell'enorme area culturale nota come Aridamerica, che si estendeva tra Messico settentrionale e Sudovest degli Stati Uniti. Al suo interno si distinguono diverse subaree: California Centrale e Meridionale, Gran Bacino, Arizona Nordoccidentale, Apacheria, Bassa California, Costa di Sonora e Sinaloa, Texas Meridionale e Messico Settentrionale; a quest'ultima subarea apparteneva il territorio dell'attuale stato di Coahuila.

L'Aridamerica era detta dagli Aztechi "La Terra dei Chichimechi", ossia la "Terra dei Popoli del Cane", cioè i nomadi. L'Aridamerica è sempre stata l'area culturale più nettamente conservativa di tutto il continente americano e vi perdurarono sino all'epoca del contatto con gli europei stili di vita di tipo "arcaico" che in altre aree erano stati abbandonati da millenni; in Mesoamerica, ad esempio, il cosiddetto periodo Arcaico terminò attorno al 1800 a.C. Questo significa che in tutta l'Aridamerica (eccezion fatta per una sorta di "isola" nel Sudovest degli Stati Uniti, non a caso detta Oasiamerica) non si praticò l'agricoltura, non si usò la ceramica, non si costruirono edifici monumentali, non nacquero stati, etc.

I popoli aridamericani erano organizzati in pccole bande di cacciatori- raccoglitori nomadi i cui circuiti di nomadismo ciclico erano strettamente legati alle fonti d'acqua disponibli; sopravvivevano nell'ambiente desertico fondando la loro sussistenza su pante del deserto come pithayas, radici di yuca, agave, mezcal, palma, radici e tuberi, fichi d'india e su animali come volp, lepri, conigli, ratti, serpenti, uccelli, insetti e su prodotti naturali come il miele.
4CI diversi gruppi erano comandati da capi tribù, il cui potere era normalmente ottenuto per prestigio personale, che conducevano gli scontri contro grupp rivali. Gli individui vivevano nudi o con perizomi di fibra vegetale o di pelle; ai pedi portavano sandali di fibre intrecciate. Portavano i capelli lunghi, sciolti o intrecciati, tenuti da una fascia colorata sulla fronte. La loro cultura materiale comprendeva una cesteria molto sviluppata, dardi di legno con punte in selce che venivano scagliati con il propulsore, macine e pestelli in petra per macinare i semi raccolti, strumenti in osso o in corno.

Gli aspetti relativi alla sfera religiosa o sprituale sono poco noti: sappamo che facevano uso del peyote per avere visioni durante cerimonie e danze accompagnate da musiche suonate con tamburi, sonagli, zucche e sonagli di serpenti. Sicuramente possedevano una tradizione orale molto articolata. Sappamo che in alcuni i casi i defunti erano avvolti in stuoie di vimini e legati in involti funerari. Visto il quadro generale, non c'è da stupirsi che gli informatori aztechi di Bernardino de Sahagún descrivessero così la terra dei Chichimechi:
«È un luogo di miseria, di dolore, di sofferenza, fatica, povertà e tormento. È un luogo di secche rocce, di fallimento; un luogo di lamenti, di morte, di sete, di inanizione. È un luogo di molta fame e molta morte.»

Etnostoria di Cuatro Ciénegas
4CLa documentazione storico-etnografica dell'età coloniale, riferibile principalmente al periodo compreso tra 1650 e 1750, ci dice che in quest'epoca la zona di Cuatro Ciénegas era frequentata da molti gruppi di indigeni, nel complesso detti Coahuileños o Coahuilas, diffusi in tutta la regione a nord e nordest del distretto di Parras-Laguna.
Questi gruppi, appartenenti alla famiglia linguistica hokano-coahuilteca, occupavano una fascia continua che si estendeva da Mapimí a Monclova e Cuatro Ciénegas. Nel caso di Cuatro Ciénegas, le fonti storiche citano esplicitamente i gruppi noti con i nomi di Cabezas, Salineros, Cíbolas, Baborizagames, Baborimamas, Corcobados, Ygoquibas, Yguitoros e Contotores, tra gli altri.
4CÈ difficile capire quanto i nomi menzionati nei documenti facessero riferimento a gruppi etnici, a "bande" o addirittura a semplici gruppi familiari.
In generale queste bande unite da mutevoli ed effimere alleanze, erravano per la regione compiendo scorrerie contro gruppi rivali. In molti casi le bande di Coahuileños si allearono (o, alternativamente, combatterono) con i Tobosos, un ampio gruppo di incerta affiliazione che occupava le regioni occidentali di Coahuila. È probabile che questa tendenza a unirsi in ampie alleanze, spesso sotto l'egida di un singolo capo autorevole, fosse almeno in parte un'innovazione dell'età coloniale, causata dalla presenza di un nuovo nemico comune: gli invasori spagnoli.
Lo scontro con il mondo spagnolo coloniale causò un rapido declino dei gruppi indigeni della zona, i quali alla metà del XVIII secolo erano ormai quasi completamente estinti. Approfittando del "vuoto" lasciato dai gruppi tradizionalmente insediati nella regione, nuovi gruppi indigeni si spinsero nei territori dell'attuale stato di Coahuila. Giunsero allora gruppi uto- aztechi come i Comanche e soprattutto, a partire dal 1740-50, gli Apache, indigeni di lingua atapascana le cui lontane origini vanno cercate nei territori dell'attuale Canada, che occuparono quasi tuttta la regione. Ma anche loro furono rapidamente vittime del nuovo mondo coloniale: la componente indigena dello stato di Coahuila è oggi sostanzialmente nulla.

Ricerche archeologiche a Cuatro Ciénegas
4CTra le diverse regioni aridamericane la zona dell'attuale stato di Coahuila è stata relativamente ben studiata dal punto di vista archeologico ed è da questa zona che proviene la maggior parte dei dati disponibili su alcune delle fasi più antiche della preistoria Aridamericana.
Il bolsón di Cuatro Cuénegas e i canyons adiacenti furono esplorati tra il 1937 e il 1947 da Walter W. Taylor nel corso del suo Coahuila Project, parzialmente finanziato dall'United States National Museum della Smithsonian Institution di Washington. Taylor esplorò molte grotte della zona (ignorando sostanzialmente gli scarsissimi e mal preservati siti all'aperto) ma purtroppo i risultati delle ricerche sono stati pubblicati in modo frammentario e incompleto.
Il patrimonio archeologico della regione di Cuatro Ciénegas è costituito sostanzialmente da siti in grotta e da manifestazioni di arte rupestre.
Nelle grotte della regione sono stati rinvenuti livelli di occupazioni temporanee, con focolari e una grande abbondanza di materiali derivanti da attività quotidiane, e diversi contesti funerari, con i defunti avvolti in stuoie e spesso coperti da mucchi di pietre. Molto ricca è l'arte rupestre della regione, generalmente costituita da figure geometriche in rosso, giallo e ocra; in alcuni casi si osservano figure antropomorfe verticali e allungate, probabili raffigurazioni di "spiriti" o di uomini durante esperienze estatiche.
Sebbene le ricerche del Progetto Cuatro Ciénegas dell'Associazione La Venta non abbiano (almeno per ora) obbiettivi di carattere archeologico, durante le esplorazioni nella zona abbiamo trovato casualmente diversi elementi archeologici come punte di freccia, pitture rupestri e contesti funerari in grotta, uno dei quali con presenza di stuoie. Il ritrovamento principale è stato certamente quello di un riparo con una parete rocciosa di oltre 30 metri, coperta di pitture rupestri di notevole bellezza e policromia. Tutti i ritrovamenti archeologici sono stati registrati fotograficamente e, ovviamente, lasciati in situ senza disturbarne la situazione originale.

La sequenza archeologica di Cuatro Ciénegas
I più antichi ritrovamenti archeologici nello stato di Coahuila risalgono alla fine del Pleistocene e consistono in punte di giavellotto rinvenute nella Cueva Espantosa e a La Chuparrosa. È però con l'inizio dell'Olocene che si sviluppano le più importanti tradizioni culturali della zona, nell'insieme riferibili alla cosiddetta Tradizione del Deserto, e in gran parte identificate proprio nel bolsón di Cuatro Ciénegas. Torna al progetto

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Cookie policy