Blog

Verso il Venezuela

Grotta sul ChimantaMentre altri compagni di La Venta continuano le esplorazioni nei bellissimi ghiacci del Moreno, in tre, io, Carla e Vittorio, stiamo per partire per il sudamerica, ma ben più a nord, alle calde latitudini del Venezuela. La nostra è una piccola squadra che ha l’obiettivo di tenere caldo anche quest’anno il progetto Tepui, uno dei più affascinanti e problematici (forse per questo ci piace) sogni esplorativi dell’associazione. Staremo laggiù quasi due mesi, perché vogliamo avere il tempo di conoscere a fondo queste terre, per pianificare progetti futuri. Inizieremo con alcuni importanti incontri politici a Caracas col ministero dell’ambiente per avviare il progetto 3D nelle quarziti insieme al team internazionale La Salle, e per portare avanti altri importanti progetti di documentazione e ricerca in queste zone fantastiche. Cercheremo anche noi di tenervi informati sui nostri spostamenti, che non sono ancora ben definiti e dipenderanno molto dalle opportunità che ci si presenteranno dinnanzi.

Leggi tutto: Verso il Venezuela

Dal Moreno verso l'Ameghino ed il Videma

0047Ed eccoci nuovamente a raccontare le nostre giornate passate nello splendido contesto del Parco del los Glaciares. Sono state giornate intense di duro lavoro con sveglia all’alba e molteplici obiettivi da inseguire e raggiungere. Più volte abbiamo ripetuto il percorso che ci conduceva nel cuore del Perito Moreno cercando finalmente, dopo le prime giornate di sopralluogo, di concentrarci sulla raccolta dati e sulla documentazione di dettaglio. Le squadre di ricerca hanno continuato le operazioni di posizionamento e rilievo di svariati mulini e bédières, iniziando ad unire i pezzi di questo puzzle che di anno in anno diventa sempre più difficoltoso da perlustrare e comprendere. La troupe documentaristica ha invece concentrato il proprio lavoro individuando le location più suggestive e raccogliendo nuove immagini di ambienti tanto belli quanto difficili da percorrere. È stato infatti trovato un bellissimo mulino agibile solo nelle prime ore del mattino quando la portata della bédière che si getta in esso non è ancora alimentata dall’abbondante afflusso dovuto alla fusione superficiale della massa glaciale.

Leggi tutto: Dal Moreno verso l'Ameghino ed il Videma

La spedizione scorre a valle...

Ormai anche la spedizione scorre a valle, come il ghiacciaio Moreno. Sono 18 persone – Mez non è stato ancora abbattuto – che una spola dopo l’altra portano a valle 35 colli da circa 30 chili l’uno.

Ieri, giorno 20, è stato completato il caricamento del campo 2 sul ghiacciaio e sono iniziate le esplorazioni e le riprese del grande e bellissimo pozzo che domina quella zona.

Leggi tutto: La spedizione scorre a valle...

Installato il Campo 2

La meteo continua ad essere favorevole in modo incredibile. I peggioramenti lievi che ci comunicano dalla S.M.I. arrivano ma lievi e di breve durata: il cielo si vela, poi si riempie di cumuli, rischiara e torna azzurro. Il guaio è che le nostre facce sono ormai piene di scottature, una complicazione inattesa nella speleologia glaciale in Patagonia.

Lo schema di funzionamento attuale del carsismo sul Moreno è oramai chiaro e infatti oggi è stato il giorno delle ultime esplorazioni. Un gruppo di sei è andato al pozzo fossile del Coltrane, individuato il giorno prima dalla squadra di documentazione video che ieri aveva realizzato immagini eccezionali nell’attivo. Il pozzo è risultato di profondità, di sezione abbastanza piccola, ma molto spettacolare. È stato abbontantemente fotografato e rilevato.

Leggi tutto: Installato il Campo 2

I primi risultati della documentazione

I quattro giorni di camminata iniziano a farsi sentire, così un gruppo decide di fermarsi al campo per recuperare energie e fare alcune perlustrazioni nei punti panoramici per osservare dall’alto la morfologia del ghiacciaio.

Una squadra di sette persone composta da Giovanni, Alessandro, Roberto, Omar, Tono, io (Filippo) e l’irriducibile Ryow ha l’obiettivo di raggiungere le zone settentrionali del Perito Moreno per esplorare e documentare il pozzo Coltrane, che inghiotte nel suo profondo blu le acque del drenaggio principale del Rio Malbec. Preparato il materiale si dirigiamo verso il ghiacciaio che riattraversiamo ormai disinvoltamente, ma con il dovuto rispetto, la zona dei seracchi, seguendo un percorso segnalato da una serie di ometti di pietre.

Leggi tutto: I primi risultati della documentazione

Le carte del Moreno

{gmapfp id="6" lmap="600" zmap="10" itin="2" zzoom="2" map_choix="3"}

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Cookie policy