Blog

Auyan Tepui: Guacamaya

Cavità in esplorazioneComunicazione telefonica dalla sommità dell'Auyan Tepui:La Cueva Guacamaya si è confermata estremamente interessante! La poligonale della grotta, che si sviluppa lungo due direttrici principali, sviluppa più di un chilometro ed il ramo laterale è interamente rivestito di fantastiche e suggestive concrezioni di opale.
La cavità, sia per logistica che per caratteristiche estetiche, si candida ad essere una delle principali location dove realizzare la futura, prevista, documentazione fotografica in 3D. Al momento è stata realizzato un primo servizio fotografico.
Oggi la squadra composta da Cesco, Vitto, Carla e Freddy verrà prelevata dall’elicottero di Raul che, prima di rientrare, si avvicinerà ad alcuni altri interessanti ingressi visti in parete.

Il Lago O'Higgins!

BivaccoIl giorno 25 facciamo una gita sociale in barca alla fronte del Viedma, che è in stato disastroso, si è ritirata moltissimo, ora è decisamente una fronte modestissima (e immobile) per un gigante del genere, che però rimane il più interessante dei ghiacciai patagonici. Rientriamo al Chalten, giusto in tempo per separarci: gli altri salgono al Paso del Viento, io vado a nord.

Devo andare prima degli altri a Buenos Aires, sicché sul Viedma potrei fare solo il portatore sino al rifugio IHCP e rientrare a Chalten. Se la caveranno benissimo senza di me, opto per approfittare dell’occasione e continuare il giro dello Hielo Continental, verso nord, a capire la logistica di quelle regioni così remote che nessuno ne parla mai, quando parla di Patagonia: O’Higgins, Chico, Candelario Manzilla, Villa O’Higgins…

Leggi tutto: Il Lago O'Higgins!

Si esplorano i primi mulini dell'Ameghino

La giornata del 25 l’abbiamo dedicata all’avvicinamento al ghiacciaio.

Sveglia alle 7, dopo colazione smontiamo il campo, e lo trasferiamo 45 minuti di cammino più avanti in direzione del ghiacciaio. Riallestito il nuovo campo ripartiamo alle 9,30 con lo scopo di tracciare un percorso che ci permetta di raggiungere l’Ameghino.

Leggi tutto: Si esplorano i primi mulini dell'Ameghino

Venezuela: da Santa Elena all''Auyan

La Cueva Guacamaya vista dall'elicotteroIntanto a Caracas, Francesco Carla e Vittorio hanno avuto un primo incontro con i responsabili del Ministero dell’Ambiente dove si sono poste le basi per una collaborazione nello studio delle più remote aree quarzitiche della Gran Sabana.

Ieri con l’amico Freddy hanno affrontato il viaggio tra Caracas e Puerto Ordaz, mentre oggi si sono trasferiti a Santa Elena, dove ha sede la base operativa il nostro amico e socio Raul, mitico elicotterista dei tepui.

Leggi tutto: Venezuela: da Santa Elena all''Auyan

Poetico arrivo sull'Ameghino

Il sole del tramonto illumina le cime delle montagne che circondano il Lago Ameghino. È un sole caldo e accogliente che ci regala luci e colori di impareggiabile bellezza. Il ghiacciaio giace davanti a noi adagiato sul suo letto di roccia. Non è maestoso come il vicino Moreno, ma incastonato tra queste scure montagne, veste di un’eleganza unica. Dalla stretta fronte sale ripido verso lo Hielo Continental che si pone come barriera invalicabile sullo sfondo, pareti verticali completamente ricoperte di ghiaccio. Più vicino a noi il Cerro Fantasma che dalla sua vetta ancora inviolata ci guarda solenne.

Leggi tutto: Poetico arrivo sull'Ameghino

Pane fresco!

Pane fresco! E bistecche, e verdura, e nessun peso da spostare!

Sì siamo a El Calafate, località turistica ma adatta a tirare il fiato. Serata nel miglior ristorante del paesino, poi di nuovo a smontare, pultire, rimontare i materiali, i viveri, i permessi, i progetti…

Leggi tutto: Pane fresco!

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Cookie policy