Blog

Nel Triangolo del Silenzio

Fossili di dinosauroC’è un luogo al confine tra gli stati di Chihuahua, Durango e Coahuila chiamato zona del silenzio. Qui si sostiene che in quell’area vasta decine di chilometri quadrati non funzionerebbero le trasmissioni radio e neanche le apparecchiature elettriche. Noi ci siamo andati non per verficare questa bizzarra leggenda ma per cercare grotte e scheletri di dinosauri. Abbiamo trovato i secondi, assieme all’Università di Bologna e di Città del Messico, mentre per le grotte la situazione è più complessa. Abbiamo visto qualcosa ma le segnalazioni più interessanti hanno bisogno di ulteriore tempo per essere raggiunte.
Non è mancata però la discesa nell’Hundido, un pozzo da 180 con alla base un lago nero e profondo di dimensioni 100×150 metri, già esplorato alcuni mesi fa da Carlos e da speleologi americani. Aggiorneremo a breve il blog con alcune foto ed altre notizie. Tullio

Leviatang

Un grande albero nella selva (foto Pier Paolo Porcu)Scrivo solo due righe per aggiornarvi velocemente… poi seguirà un post più dettagliato con foto e video.

Che dirvi? no, non siamo stati al mare a oziare… questi ultimi tre giorni abbiamo riscattato il debito di sfiga che ci ha afflitto in questa spedizione. Alla Cueva del Puercoespin le cose sono andate decisamente bene… Siamo ora appena rientrati in albergo a Tuxtla dopo una serie di punte che ci hanno impegnato fino ad oggi pomeriggio, culminate con l’esplorazione di un pozzo gigantesco, Leviatang, dopo mezzo chilometro di galleria da favola e tantissimi bivi rimasti inesplorati. Abbiamo rilevato circa 1200 m di grotta nuova in due giorni!

Gli undici irriducibili che hanno voluto continuare quest’avventura hanno raccolto finalmente  grandi soddisfazioni, e potranno realmente assaporare il relax sulla spiaggia del pacifico da domani.

Non anticipo altro, se non rispondendo ad Andrea: la grotta enorme l’abbiamo beccata veramente.

Per i dettagli vi lascio al prossimo post.

Cesco

Verso il Canyon del Sumidero

Il pozzo (foto Pier Paolo Porcu)È proprio strano a volte come il susseguirsi degli eventi ti porti in luoghi che mai avevi pensato e in situazioni totalmente impreviste. Ed è forse proprio questo il bello del viaggio, l’essenza dell’esplorazione, non sapere che cosa ti aspetta e riuscire ad assaporare tutto quello che accade come parte di un’avventura che ti guida sempre verso nuove mete.

Qualche giorno fa tornavamo a Tuxtla parecchio demoralizzati per l’anticipato ritiro dalle montagne di Cardenas, la spedizione non poteva continuare laggiù, e poche effettivamente sembravano anche le possibilità di spostare tutta la gente in altri luoghi, riorganizzare una logistica complessa e programmare un lavoro speleologico sensato altrove. Domenica pomeriggio, attraversando con le barche l’impressionante Canyon del Sumidero ci eravamo nuovamente galvanizzati.

Leggi tutto: Verso il Canyon del Sumidero

il video, o meglio l'audio, del pozzo Leviatang

Fantastico web! Sono qui in uffico al lavoro e spunta un messaggio di Cesco su Skype direttamente dal Messico.  Mi chiede se può inviarmi un video da pubblicare nel blog.  Percepisco dal resto delle battute che c’è eccitazione.  “Vai” gli rispondo.

Scarico il video e…wow.  Decido che deve finire subito anche su yuotube. Guardate, o meglio sentite un po’ anche voi.

Leggi tutto: il video, o meglio l'audio, del pozzo Leviatang

Rientrati a Cintalapa

Uno degli incontri... (foto Natalino Russo)Siamo rientrati oggi a Cintalapa dopo 5 giorni nella foresta. Come già scritto da Corrado, purtroppo alcuni problemi burtocratici di autrizzazioni con l’INAH (Istituto Nazionale di Archeologia e Storia del Messico) non ci hanno permesso di lavorare con serenità e abbiamo così deciso di anticipare di qualche giorno la seconda fase della spedizione. Lassù abbiamo lasciato molte cose da fare, i pochi giorni ci sono bastati a malapena per capire dove concentrare gli sforzi in un territorio veramente vasto. Abbiamo percorso chilometri di selva, inseguendo segnalazioni di grotte e inghiottitoi, spaziando dal Rio Negro al Rio la Venta. Abbiamo effettuato due campi principali, un nella zona del Clarin e un altro nel meraviglioso rancho Valle Acosta, da cui ci siamo spostati sia in giornata, sia passando una notte con le amache nella selva. Alcuni avvicinamenti hanno richiesto più di 5 ore di cammino, aprendo picade a colpi di machete, guidati dai proprietari di terreni e dai giovani rancheros di Cardenas. Le grotte esplorate non sono state in verità molte, alcune cavità sul centinaio di metri nella zona clarin, grotte fossili e brevi inghiottitoi nella zona di Acosta. Un gruppo si è perfino spinto alla junta, dove i due fiumi si incontrano, attraversando un impressionante paleoalveo del Rio la Venta.

Leggi tutto: Rientrati a Cintalapa

La grotta è un millepiedi

Un passaggio nella selva (foto Carlos Sanchez)«Il grottone scorre placido e ampio qualche metro sotto il campo, trafora i cerros, propaga i suoi rami come le radici del mamey. E proprio come le diramazioni vegetali, è invisibile. Vaghiamo da giorni nel fango di questi sentieri per cercarne gli ingressi, ma il vuoto si beffa di noi. Siamo in piedi già alle sei, spinti dall’insonnia da fuso orario; poco dopo l’alba facciamo le squadre sorseggiando un caffè intorno al fuoco: quattro andranno verso le terre lontane di Tres Marías insieme a due guide; qualcuno cercherà di individuare un grottone segnalato nei pressi del rancho Valle Acosta; qualcun altro caricherà i pesanti zaini su un cavallo e si avvierà verso nord, nella zona cosiddetta della Soledad, per montare un campo avanzato e tentare di raggiungere la mitica confluenza tra il Rio Negro e il Rio La Venta.

Leggi tutto: La grotta è un millepiedi

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Cookie policy